Leggere Stoner

Stoner

Sono tanti coloro che hanno deciso di comprare questo romanzo. Chi sotto consiglio di un amico, chi per mera curiosità. Così come in aumento è il numero di lettori che da questo libro è rimasto affascinato, rapito. Fra questi anche Ian Mcewan, autore del celebre “Espiazione” e dell’altrettanto appassionante “Miele”.

“Stoner” illustra la triste e scarna vita di un giovane che lascia i genitori contadini per iscriversi all’università dove verrà folgorato dalla bellezza di un sonetto di Shakespeare durante una lezione con un professore che diventerà in qualche modo il faro che indirizzerà la vita del ragazzo.

Questi si farà uomo, si innamorerà di una donna infelice che non riuscirà mai ad amarlo pienamente e poi di una sua giovane studentessa che non avrà il coraggio di seguire lontano dall’università e da occhi indiscreti per paura, per vigliaccheria, o semplicemente perché uscire dagli schemi prefissati non era mai stato il suo forte.

L’idea che abbiamo è che J.Williams abbia pubblicato nel 1965 un romanzo futile, senza trama, basato sul nulla. Ma, come Ian Mcewan ci ricorda, “Stoner tocca la verità, come la grande letteratura.” Sì, perche Williams ha avuto la destrezza di prendere la storia di un misero uomo, di averla scavata fino alle viscere e di averla resa al mondo con fermezza, con una forte abilità letteraria e con una scrittura cruda, dolorosa.

Man mano che si sfogliano le pagine di questo libro, che oggi salta dalla dalla bocca di un lettore ad un altro come mai prima d’ora, abbiamo la possibilità di assaporare lentamente ogni singola lettera nera impressa su ruvida carta giallastra. Sembrerebbe quasi possibile accompagnare Stoner nel cupo viaggio della sua vita e di gioire insieme a lui nei pochi e brevi momenti di felicità trascorsi. Più leggiamo, più ci lasciamo inebriare dalla scrittura, più una piccola parte di noi si trasforma in lui, in quest’uomo buono, ma esitante, colto, ma incapace di essere il vero protagonista della sua stessa vita.

LiberalMary

Leggere Stonerultima modifica: 2016-03-30T19:59:29+02:00da mariballet95
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento